Le Sei Fonti

fonti-copy

1 – L’esperienza diretta di quel trascendente mistero e meraviglia, affermata in tutte le culture, che ci spinge ad un rinnovamento dello spirito e ad un’apertura alle forze che creano e sostengono la vita

testo testo testo

2 – Le parole e le azioni di uomini e donne profetici che ci sfidano a confrontare le potenze e le strutture del male con la giustizia, la compassione, e il potere trasformatore dell’amore

testo testo testo

3- La saggezza delle religioni del mondo che ci ispira nella nostra vita etica e spirituale

testo testo testo

4- Gli insegnamenti ebraici e cristiani che ci chiamano a rispondere all’amore di Dio, amando i nostri prossimi come noi stessi

LE RADICI NELLA NOSTRA TRADIZIONE: Sia l'Unitarianesimo che l'Universalismo nascono come Denominazioni cristiane, la prima rifiutando il concetto di Trinità, in realtà non presente nella Bibbia, la seconda esaltando il concetto di "salvezza universale" di tutti gli esseri umani come corollario dell'infinito amore di Dio. Come Denominazioni cristiane, entrambe si sviluppavano a partire dagli insegnamenti scritturali, opportunamente "letti" alla luce di ragione, cioè in chiave non letteralista e sulla base di una filologia biblica scientifica e non dogmatica.

UNA BREVE SPIEGAZIONE: Entrambe le radici U*U hanno una lunga storia che parte, con movimenti minoritari, fin dall'inizio della diffusione cristiana, sviluppandosi poi nel corso della storia, sia in ambito centro-europeo che in ambito anglosassone. In sostanza, il concetto fondamentale è non assumere la fonte biblica come un dettato divino ma come la testimonianza, culturalmente e cronologicamente codificata, di una esperienza del Sacro che induce, secondo il dettato di Gesù Nazareno (Mt. 22:37-39), ad un amore per un Dio teisticamente inteso (già ben presente nella Tradizione ebraica) che si deve tradurre in un amore concreto e fattivo per il prossimo, espletato in forma pratica, diretta e come linea guida dell'esistenza, con particolare predilezione per che sono più deboli e sofferenti (in essi, primariamente, dobbiamo vedere quell'immagine di Dio presente in ogni essere umano).

LA TESTIMONIANZA: "Le grandi menti devono rendere gli altri grandi. La loro superiorità deve essere utilizzata non per schiacciare le moltitudini nel vassallaggio intellettuale, non per stabilire su di loro una tirannia spirituale, ma per svegliarle dalla letargia e per aiutarle a giudicare da sé". (William E.Channing).

"Nel nostro stato attuale sono forse necessarie alcune 'forme'. Ma sono solo l'incidente del Cristianesimo; non la sua sostanza. Essi sono la veste, non l'angelo, che può prendere un altro abito e divenire altrettanto utile". (Theodore Parker)

5- Gli insegnamenti umanisti che ci consigliano di seguire la guida della ragione ed accettare i risultati della scienza, e che ci mettono in guardia contro le idolatrie della mente e dello spirito

testo testo testo

6- Gli insegnamenti spirituali delle tradizioni terra-centriche che celebrano il circolo sacro della vita e ci suggeriscono di vivere in armonia con i ritmi della natura

testo testo testo